Melendugno (Melendugnu o Malandugnu in dialetto salentino) è un comune italiano della provincia di Lecce, in Puglia.

Situato nel Salento centro-orientale, è posizionato tra il capoluogo e Otranto, distanti rispettivamente 18 km e 22 km. Centro agricolo, possiede un vasto feudo e beneficia del notevole flusso turistico legato alle sue marine (Torre Specchia Ruggeri, San Foca, Roca,Torre dell'Orso, Sant'Andrea), poste lungo la costa adriatica salentina. 


La cittadina di Melendugno, situata nell'entroterra a sud-est di Lecce, sorge a 36 mslm e dista 6,5 km dalla costa adriatica. Il territorio comunale, il quarto più esteso della provincia dopo Lecce, Nardo' e Ugento, occupa una superficie di 91,03 km² e confina a nord con il comune di Vernole, a est con il Mare Adriatico, a sud con il comune di Otranto, a ovest con i comuni di  Carpignano Salentino e Calimera. Comprende la popolosa frazione di Borgagne.

Si affaccia sul mare con un litorale di oltre 15 km compreso fra Torre Specchia Ruggeri, a nord, e Sant'Andrea, a sud. Il litorale, caratterizzato da un susseguirsi di spiaggette, insenature, dune e calette e dalla presenza di piatti isolotti nella zona settentrionale e di faraglioni in quella meridionale, ospita ampie aree pinetate e diverse specie arbustive della macchia mediterranea. Dalla costa melendugnese talvolta è possibile vedere ad occhio nudo l'isola di Saseno e i rilievi montuosi dell'Albania.

Dal 2010 al 2018 le marine melendugnesi hanno ottenuto ogni anno il riconoscimento della Bandiera Blu.


Dolmen Placa
È stato rinvenuto da Giuseppe Palumbo nel 1909, nel fondo Placa, territorio di Melendugno. Questo megalite ha il lastrone di copertura quadrangolare con i lati irregolari, lo spessore che varia da 17 a 40 centimetri, una cavità circolare sulla superficie esterna del diametro di 14 centimetri per 20 di profondità ed è sostenuto da 7 ortostati monolitici. L'insieme poggia su un banco di roccia affiorante omogenea, simile a quella di cui è ricco il terreno circostante.