Discorso di fine anno.

Buonasera a tutti concittadini Italiani Salentini e Melendugnesi ed a tutti i cittadini del mondo,quest'anno per me e' stato ricco di soddisfazioni,per prima a Febbraio la recensione sul Mensile Millionaire a Febbraio,poi sinceramente avevo ripreso a lavorare,uscire con gli Amici tantissimi veramente che saluto tutti quanti,il movimento culinario " Le cene dello Zio Umberto" in casa di mio cugino a San Foca in campagna,con pochi euro si facevano serate fantastiche,matriciana,pasta con le cozze,grigliate,carbonare,friselle,focacce sottoli e sottaceti,tanta frutta e le classiche noccioline, mandorle e semi,poi si beveva sempre un po' di compagnia,si svolgevano ogni mercoledi' e mi divertivo tanto abbìamo anche un piccolo gruppo whats app ogni sera alle cene c'era Brown il mio cagnolino un simil Pincher molto affettuoso,tranquillo,libero e simpatico gli manca solo la parola purtroppo,ma di lui vi parlero' dopo.
Stavo bene stavo troppo bene giu' nel Salento a Melendugno un territorio spettacolare,mare,campagna,tradizioni,ormai pochi ulivi e tutti sappiamo il problema,spero che la politica faccia qualcosa ma ho i miei dubbi.Ero abituato a mangiare a casa le delizie di mia Madre,la parmiggiana,la pasta al filo d'Arianna,il suo bunissimo brodino,il pesce freschissimo che amo tanto e che qui in UK manca tanto.

Ero anche stato ingaggiato dal "Gruppo Teatrale Modesto Cisternino"con i quali componenti settimanalmente mi vedevo per le prove di una commedia chiamata "Tre Santi nu bastane" dove interpretavo Riccardino un personaggio allucinante molto devoto,partecipai anche l'estate ad una manifestazione teatrale dove interpretai il personaggio del Cocco Bello e fu un successone un divertimento che non provavo da anni.
Un altra cosa molto positiva fu il mio fortissimo rapporto con Brown,troppo forte stavamo sempre insieme inseparabili,al mare,in giro la sera ovunque sempre senza guinsaio,insomma libero come me,se una sera non passavo,lui spesso mi veniva a cercare nei posti che frequentavo,oppure veniva a trovarmi a casa,non potevamo stare separati eravamo diventati un cuore ed un'anima unica.Mi e' stato molto d'aiuto il mio piccolo Brown non mi criticava mi coccolava ed io ricambiavo ovviamente ci capivamo su tutto,ormai tutti gli amici la sera mi aspettavano con Brown,tutti lo conoscevano e gli volevano un sacco di bene,vi giuro il 7 settembre giorno della mia partenza mi misi a piangere e' stato difficile separarmi da lui era stato con me un vero amico disinteressato,ringrazio la mia famiglia Roberta e perla e tutti i vicini di via Benedetto Croce che se nestanno prendendo cura in particolare Stefania Giorgio e Matilde che addirittura mi mandano  foto e video,insomma sapere che sta bene per me e' importante ora vi posto una foto ricevuta stasera.

Torniamo a noi,stavo bene avevo due cose che pero' non mi scendevano,una e' la situazione Italliana dal punto di vista politico,l'altra sempre un problema politico nel mio paese Melendugno che amo tanto,gli amici d'infanzia le attivita' storiche del mio paese,Sanfoca,Roca Vecchia, Torre dell'Orso,Sant'Andrea ed il bellissimo Borgo Borgagne,tra i piu' belli d'Italia,ho lasciato un territorio per venire in UK qui a Didcot vicino la bellissima Oxford per carita',ma ho lasciato la mia amata e profumata Terra natia.

Appena mi dissero che in UK c'era il lavoro,non ci ho pensato due volte e ho accettato quello che mi offrivano,avrei fatto qualsiasi cosa a tutti i costi,avevo una grande voglia di vivere in un paese piu' avanti,l'Italia gia' da tempo la vedevo bloccata dalla politica,burocrazia,corruzione,sia a livello Nazionale che Locale ma stasera non voglio affrontare questo discorso,io ripeto personalmente stavo bene ma da li avevo perso la credibilita' io stesso nei miei progetti,non ci credevo piu',ma avevo capito che bisognava cambiare aria e provare magari un esperienza in un altro Paese piu' emancipato.

Morbi in sem

Il 7 Settembre parti' da Brindisi,il volo duro' circa due ore e mezza ed atterrai a Stansted,incontrai un ragazzo Salentino di nome Mirko che mi aiuto molto per prendere National Express fino a Londra da dove presi da Paddington un treno che in quaranta minuti mi porto' a Didcot dove trovai i Manager dell'Azienda che sono venuti a prendermi e mi portarono a casa.Era tardi andai a dormire,l'ndomani mattina dovevo iniziare a lavorare con i famosissimi muratori